Presentazione
Carta dei servizi
Bilancio

La Mia Terra 2001

Con il titolo “La Mia Terra” , il 29 Gennaio alle ore 21, l'Associazione “L'Immagine” propone a benefattori ed invitati un concerto a favore di AVSI con la proposta di tre gruppi musicali: spagnolo, napoletano ed irlandese che ripercorreranno la tradizione europea attraverso i canti della gente.


LA MIA TERRA: MUSICA DALLA TRADIZIONE EUROPEA

 
Lo spettacolo è interessante perché un soggetto che svolge attività di volontariato sociale fa una proposta a soci ed amici con uno spettacolo a favore di una Associazione di grande respiro internazionale come AVSI.
 
E' un indicatore di mentalità e di volontà di superamento del mero ambito territoriale.

Spesso l'Associazionismo tradizionale manca di quel respiro che solo il collegamento in rete con altre strutture può offrire. “L'Immagine” vuole fornire un esempio concreto.
 

Una attenzione economica ma anche un respiro europeo.
I canti della tradizione napoletana offerti dal Gruppo di Antonio Attanasio, napoletano verace, tenore, che ha sempre valorizzato l'espressione tradizionale senza modernismi di maniera, saranno affiancati da quelli spagnoli di Manoli Rodriguez - una cantante madrilena, e da Amanda Murphy, inglese e che ha fatto del recupero culturale di canzoni anglosassoni uno dei pezzi forti del suo lavoro culturale.
 

Al Teatro CIAK, così si incontreranno tre diverse realtà, a significare che l'unità delle culture è possibile nella conoscenza e nella constatazione che l'animo umano, ovunque vive, lotta e soffre per comuni ideali.
 
Le diverse espressioni nobilitano questa constatazione.
Il pubblico potrà godere di una esperienza inconsueta: sentire un bellissimo canto su Madrid o Napoli o un canto per l'amata della tradizione irlandese.
 

“L'Immagine” intende riproporre alla città esperienze di condivisione analoga, questa per la specifica mission della realtà associazionistica: favorire la conoscenza delle culture e riaggregare in ogni modo l'umano, presente in ogni civiltà, in ogni aggregazione popolare.
 

Ogni autentica cultura, infatti, ha sempre espresso nel canto, nella espressione musicale, la vita.
 
Il compito oggi è non disperdere o dimenticare questo patrimonio per seguire, quasi per forza, nuove mode, spesso meno belle, meno suggestive, meno cariche di significato.

 
la locandina                  il programma di sala (cover)

Powered by Arvea srl - Privacy policy